Archivio tag: arteselvatica

ARIA DI NUOVO

Notate niente di diverso dal solito? Nulla, nulla? Ebbene sì, rinnovo completo, pulizie di primavera. Avevo bisogno di ordine e di un’atmosfera più fresca e lineare. Cosa ne pensate? Il logo è nuovo, chissà mai che diventi quello definitivo; i cambiamenti in realtà sono prettamente estetici. Sono spariti alcuni bottoni laterali, ma ritrovate tutto nel MENU’ IN ALTO: il collegamento al negozio su Artesanum è nella pagina ”SHOP”, quello al facebook di Archetipi è nella pagina (manco a dirlo) ”PROGETTO ARCHETIPI” , i vecchi ”consigli per gli acquisti” si sono trasferiti nella pagina ”LINKS”. Che dite, vi piace?

Io ora spengo il computer e mi vado a nascondere, che voglio stare lontana dalla tecnologia per un pò…ma non disperate, ci sono ancora tante novità dietro l’angolo!!!

ArteSelvatica testata

Acquamarina

Una nuova pietra, un nuovo bracciale e delle linee che non avevo mai sperimentato; una nuova creatura per il progetto Archetipi. La tecnica è sempre quella del wire wrapping, i fili sono in rame placcato, a sezione quadrata e circolare. La pietra centrale è una bellissima acquamarina, leggera come un alito di vento con il suo colore tenue, ma forte come chi ha combattuto infinite battaglie, grazie alle sue imperfezioni che disegnano sulla superficie un reticolo complesso di cicatrici del tempo.

Bracciale Rigido Acquamarina 1La parte centrale è evidentemente forte, importante, quasi altisonante; volevo spezzare queste linee troppo eleganti e ricercate, e così mi è venuto in mente il cuoio. Sottili cordini in cuoio greco che si arrotolano lungo le parti laterali del bracciale, andando ad avvinghiare le loro forme eteree con un qualcosa di più realistico e terreno.

Bracciale Rigido Acquamarina 3Chi lo indosserebbe? Forse una regina, o una principessa, o una guerriera. Me lo immagino al braccio di una giovane donna, piena di fascino eppure con i piedi per terra, abituata a viaggiare e a scalare le montagne, abituata alle avversità. Lo immagino lasciato su uno scoglio per un tuffo in mare, lo immagino accompagnarsi a un vestito leggero di cotone bianco.

Bracciale Rigido Acquamarina 5Non saprei, questo bracciale evoca nella mia mente tante immagini diverse. Saranno le screziature sulla superficie dell’acquamarina, che mi ricordano la durezza della vita; saranno i riflessi dorati che si accostano al cuoio, per ricordarti che non c’è mai luce senza ombra. Ecco, io lo immagino al polso di una Sherazad, forte e misteriosa, che in una calda notte araba intesse le trame dei suoi mille racconti per avere salva la vita.

Bracciale Rigido Acquamarina 6Dopo avervi mostrato quanto lontano la mia mente malata può spingersi con le sue elucubrazioni, vi lascio alle sagge parole di Monica:

ACQUAMARINA: sono la pietra dell’equilibrio. Favorisco la comunicazione efficace, nonché l’introspezione e la crescita interiore. Sosterrò la tua autostima e l’espressione della creatività che ti permetterà di manifestare la tua vera essenza. Infondo sicurezza per portare a termine quanto di finora incompiuto. Dono lucidità, benessere e successo. Libero dal timore dei giudizi esterni consentendo così l’autentica e profonda realizzazione del tuo sentire.

Un ringraziamento speciale alla mia pianta di erba cipollina, che con tutti questi acquazzoni estivi è letteralmente esplosa, regalandomi questi fiori meravigliosi!

 

Regalità

Non che io sia una persona particolarmente elegante e raffinata, ma questo nuovo nato del Progetto Archetipi mi ha fatto subito pensare a una regina, altezzosa e forte, con un cuore che deve rimanere sempre nascosto per garantirle quell’aria distaccata e anche un pò tragica tipica delle regine bibliche.

gircollo avventurina 1Il girocollo è rigido e sottile, caratterizzato da una linea curva e priva di indecisioni; anche se non sembra, non c’è nessuna saldatura: è il miracolo dei fili a sezione quadrata, che si affiancano perfettamente come tessere di un puzzle.

gircollo avventurina 3E’ un lavoro nato un pò per caso, avevo incastonato quasta splendida avventurina un pò di tempo fa e non mi decidevo a montarla; mancava una cornice che le rendesse giustizia. Pensa e ripensa, ho trovato in un cassetto questi fili a sezione quadrata acquistati tempo fa, ma che non ero mai riuscita a utilizzare nel modo corretto e che quindi erano rimasti a fare la muffa. Vuoi un pò la fortuna, vuoi che il tempo passa e qualcosa di nuovo si impara sempre, sono finalmente riuscita a fare quello per cui questi fili erano stati acquistati. Forse era solo questione di liberare la mente e trovare il momento giusto…in ogni caso per quanto le mie capacità di aprendimento siano alquanto limitate, prima o poi ci arrivo anch’io, e questa è un’ottima notizia!!

gircollo avventurina 2E quindi eccoci qui, abbiamo un girocollo regale e un regina scappata dalle pagine della storia, o da qualche misterioso inseguitore.

Ma secondo Monica per tutti c’è speranza : << AVVENTURINA: sono la pietra della gioia di vivere! Libero dall’ansia e dalla paura. Conferisco entusiasmo e disponibilità di ascolto verso sé stessi e gli altri. Ti incoraggerò a seguire il tuo intuito per realizzare il tuo vero essere promuovendo la tua autonomia decisionale. Dono tranquillità, spensieratezza e la capacità di integrare gli insegnamenti della vita aprendo il tuo cuore all’accettazione ed alla consapevolezza.>>

Ora vi lascio e torno a fare quel che dovrei già stare facendo, e cioè studiare (cosa che nell’ultima settimana è stata seriamente ostacolata da una mia nuova dipendenza per i gialli norvegesi). Per concludere con qualcosa di sensato, vi mando a leggere questo articolo nel blog di Galatea; parla di Didone, una regina per cui credo che questo girocollo sarebbe stato perfetto.

Elisir di primavera

Voi la sentite la primavera? Io sì, e questo mi rende terribilente distratta..a discapito del paese che sta rantolando come al solito e del giornale che ormai mi rifiuto di leggere, quando guardo i fiori schiudersi ai primi raggi primaverili la mia mente viaggia lontano e i miei pensieri si popolano di progetti, sogni e aspettative. Dopo un inverno ben poco creativo, vuoi lo stress o le sfighe di tutti i giorni, ho di nuovo voglia di fare, e soprattutto di fare cose nuove. Ve lo ricordate il Progetto Archetipi? Ebbene sì, io e Monica siamo ancora vive e abbiamo tanta voglia di continuare questo percorso, soprattutto dopo tutti i riscontri positivi che abbiamo ricevuto; è una cosa che riscalda il cuore trovare persone che vogliono proprio QUEL ciondolo frutto di tanti tentativi diversi, che sanno apprezzare il tuo lavoro e che ci vedono esattamente quello che ci vedi tu. Quindi un grazie infinito a tutti e a tutte coloro che ci hanno scelte, colorate le nostre giornate e soprattutto ci date la spinta per continuare a creare. Ma non voglio annoiarvi con troppe chiacchiere, indi per cui…

ciondolo rubino 5Questo è ‘Elisir di primavera’, un ciondolo in rubino grezzo realizzato con la tecnica del wire wrapping. Purtroppo le fotografie non rendono giustizia dei mille riflessi che si producono sulla superficie liscia della pietra non appena questa viene toccata dalla luce, su questa pietra che per le sue screziature e impurità perde ogni vaolre commerciale, ma che secondo me così è perfetta. ‘Elisir di primavera’ perchè l’incastonatura mi ricorda una piccola borraccia da viaggio, un’ampolla dai magici fumi sulfurei da portare appesa al collo percorrendo sentieri scoscesi.

ciondolo rubino 3‘Elisir di primavera’ anche perchè spero, al di là di ogni realismo, che le persone inizino a risvegliarsi e che le cose inizino a migliorare; al di là di ogni realismo, appunto, dev’essere la primavera che mi fa straparlare. Il cordino intrecciato e tanto grazioso che vedete mi è costato ben due ore di esclamazioni non riportabili (non sono particolarmente portata per nulla che riguardi i filati) quindi sappiate apprezzarlo! La chiusura regolabile con catenina è realizzata a mano con una tecnica un pò diversa dal solito, una catena più importante rispetto a quelle sottili e delicate che vi ho abituati a conoscere tra i miei lavori; probabilmente perchè per questo ciondolo in particolare volevo un aspetto spartano e pratico che raccontasse di viaggiatori raminghi e di epiche avventure, tramandate di voce in voce tra le fronde degli alberi di un bosco secolare.

ciondolo rubino 4Come potete vedere la mia immaginazione naviga a vele spiegate, devo solo stare attenta a non andare a sbattere contro qualche muro mentre cammino per strada.

ciondolo rubino 1Per oggi i miei sproloqui terminano qui, vi lascio con le preziose parole di Monica:

RUBINO: Sono la pietra della passione e dell’energia. Risuono in armonia con il Chakra della radice e conferisco a chi mi possiede vitalità e forza. Stimolo l’integrazione dell’amore fisico con quello spirituale. Promuovo l’ascolto della nostra parte intuitiva, favorendone così l’armonizzazione con quella razionale. Ti donerò coraggio per realizzare il tuo progetto di vita, infondendo in te dinamismo e spontaneità.

GUARDANDO FUORI

Eccomi qui anche oggi, un pò trafelata dall’aver appena dato un esame all’università, ma decisamente sopravvissuta =)Guarda caso l’esame che ho sostenuto oggi (scrivere un saggio in inglese) aveva come argomento l’arte e il suo rapporto con la bellezza. La bellezza è un fattore sufficiente per considerare un oggetto come arte? O l’arte in quanto tale si caratterizza per la sua capacità di trasmettere messaggi e far riflettere le persone?

DSC01047bis

Questo anello è nato durante le vacanze invernali, mentre pensavo a qualcosa di nuovo e al tempo stesso che mi rappresentasse. Non che io definisca i miei oggetti arte, ci mancherebbe altro…sarei già più che onorata se qualcuno li chiamasse artigianato! Semplicemente questo ogetto rispecchia esattamente il concetto di arte per come lo intendo io.

DSC01046bis

Ho creato questo anello immaginando la vista da una finestra in una sera al chiaro di luna, fantasticando di guardare fuori e vedere un albero antico che si stagliava contro il cielo.Ecco, per me il compito dell’arte è questo: che lo si faccia tramite immagini shock o tramite la ricerca della linea perfetta, un oggetto diventa arte quando osservandolo si ha l’impressione di affacciarsi oltre un certo limite, di spazio o di tempo che sia, e di guardare oltre.

DSC01051bis

Credo in fondo che l’arte abbia la stessa funzione dell’Utopia. Tu cammini e cammini, ma ad ogni passo l’orizzonte è sempre più lontanto, e dentro di te sai che non lo raggiungerai mai. Quindi a cosa serve l’Utopia? Perchè muovere all’infinito verso una meta irraggiungibile?Beh, è semplice…per continuare a camminare.

A presto,

Francesca

ALLUMINIO IN FIORE

Eccomi qua, in questo sabato pomeriggio un pò noioso, a farvi vedere una delle mie ultime creazioni. Qualche tempo fa ero in casa a trafficare con il seghetto da traforo, e senza nemmeno pensarci troppo ho iniziato a ritagliare un fiore. Che farci ora? Pensa che ti ripensa…è nato lui.

DSC01056bisUn anello semplice ma al tempo stesso importante, con una perla di fiume a impersonare un pistillo gigante =)

DSC01055bis

La linea del fiore è delicata e sagomata con cura e la forma della perla ricorda, neanche a farlo apposta, quella di un cuore. Un filo di rame 0.8 mm lega insieme gli elementi, dando un tocco di calore all’anello.

PIETRE / 2

 

Buon sabato a tutti/e!

Sperando che abbiate passato una bella settimana, vado a mostrarvi due ciondoli nuovi nuovi!! Sono entrambi realizzati  mano in Fimo, ovviamente senza l’utilizzo di stampi e cose varie.

Credo che difficilmente mi stancherò di questa forma così naturale, che ricorda semplicemente un sasso in uno stagno. Non ci avevo mai pensato prima, ma è la forma ideale per molte cose; può essere usata come palcoscenico per tantissimi scenari differenti, come dei fiori blu dalle righe un pò vittoriane o come una foresta incantata in cui volano libellule dai mille colori.

 

Io sono veramente innamorata di queste linee morbide, spero che abbiano lo stesso fascino su di voi!

A presto,

Francesca